giovedì 7 aprile 2011

TATTOO COLLECTOR JACOPO CARLI aka "PANNOCCHIA"

Sveglia ore 6.30 .. lavoro fino alle 13,30 alla pompa di benzina, pranzettino dalla nonna, online per aggiornamenti, borsa e in palestra, la sera a suonare con il gruppo oppure birreta con gli amici.
Ecco Jacopo Carli. Un ragazzo come tanti ma con una passione come pochi. 


-Ciao Jacopo.Com'è iniziata la tua passione per il tatuaggio?
-I tattoo mi hanno sempre affascinato, fin da piccolo collezionavo stickers di tatuaggi, quelli tipo trasferelli, che con l'acqua li trasferivi sul corpo. Crescendo, ascoltando musica, apprezzavo sempre di più i tattoo dei musicisti o cantanti molti legati alla scena metal prima e hardcore poi. Ho iniziato a tatuarmi appena ricevuto il primo stipendio, i miei non erano molto d'accordo e non mi avrebbero finanziato per tatuarmi, avevo vent'anni e mi feci tatuare subito un braccio in stile giapponese a Siena nello studio di Beppe Lazzeri, "L' Allegro Chirurgo".

-Quali sono i tuoi artisti preferiti?
-I miei artisti preferiti fortunatamente sono anche degli amici , come Matteo Campi, Master Jack e tutto l'Eterno Riflesso, i ragazzi di viareggio Pepe Zuno e Ricky detto Headcheese, Marco Andreini detto "Manopola", Alessio Tanti aka "Pialla" , Nello Rossini e i ragazzi dell' InkAddiction, Beppe e Ivan                           
-Quali sono gli stili che ti interessano di più?
-A me piace molto lo stile tradizionale sia americano che giapponese. Mi piacciono soggetti classici, d'impatto, una bella linea, pochi colori ma intensi. Non cerco la perfezione millimetrica nel posizionare i tattoo, non amo troppo il design sulla pelle, preferisco andare sul concreto e pensare le cose sul momento. Adesso ho scoperto una vera passione per il Black & Grey. Molti dei miei tattoo sono a colori, ma ultimanente mi stò interessando molto allo stile chicano e di fatti gli ultimi tattoo fatti sono in bianco e nero come il costato fatto da Rino Valente e il teschio sulla coscia di Chris Dunley.
 
-Un consiglio per un ragazzo che si vuole fare il primo tattoo?
-Mio consiglio è scegliere il tatuatore i base al soggetto o allo stile che uno cerca. Tutto dipende da quello che uno si vuol far tatuare, poi se una persona cerca un tattoo diciamo di "Elite" può sempre informarsi, ricercare artisti e andare in una delle tante bellissime convention che ci sono in giro in Italia e all'estero. Il primo tattoo che mi sono fatto alla fine mi sono fidato dei consigli di amici che mi hanno indirizzato, ma oggi col sennò di poi, facendo una maggiore ricerca potrei avere investito soldi e tempo in un modo migliore. Quindi ponderate bene le vostre scelte !!!


-3 cose che ti piacciono in un tattoo.
-Il mio tattoo ideale è di medie dimensioni, non mi piacciono troppo, almeno per ora, le grandi composizioni, ha una bella linea potente , molto nero e pochi colori.



-Quali sono gli studi dove passi + tempo?
-Vivendo a un ora e mezzo da Viareggio, l"Electric Tattoing di Pepe & Zuno è lo studio dove mi sento + a casa e vado più frequentemente. Un buon piatto di pesce, una birra, tante risate, il ronzio delle macchinette e passo delle belle ore in buona compagnia.
Vado spesso a trovare anche Andrea un amico che ha lo studio a Pistoia e anche da Rino Valente al Peekaboo Tattoo.
Questi tre sono gli studi dove passo più tempo!












-Allora, qual'è stata la seduta più lunga per un tattoo??
-E' famosa la seduta fatta dal Sig. Matteo Campi a Gaiano all'"Eterno Riflesso".
Decisi di farmi tatuare il petto, Matteo fu subito entusiasta, e fissammo l'appuntamento. Era un sabato, andai sù insieme al mio amico "Pesce", Matteo in quella giornata aveva un solo appuntamento per la mattina ... poi decise di dedicare il resto della giornata a me.
Piano di lavoro pronto, stencil piazzato e inizia a tatuare, erano le 14,30. Lavoro finito alle ore 24!
A Gaiano, essendo un paese piccolo si sparse velocemente la voce di questa super seduta e a fine serata c'erano diversi curiosi a vedere e il tutto fù molto divertente e anche gratificante. E' stata una bella esperienza!


-E il tattoo che ti ha fatto sentire + dolore ?-Avendo per il tattoo una vera passione il dolore passa in secondo piano anche perchè è una parte integrante del tatuaggio. Per la mia esperienza però devo dire che ho retto 7 ore e mezzo di petto ma sono crollato quando mi sono fatto fare un pezzo sulla coscia dal " MAnopola", un vero calo di zuccheri, mi ha ritirato sù con un buondì.
Tutto dipende anche dalla forma fisica e dallo stato d'animo del momento. Devo dire anche che in studio sei molto + rilassato mentre in convention a volte puoi sentire più la pressione, c'è molta gente, confusione, stress, insomma, almeno io mi sento meno rilassato. Alla convention di Roma feci tre pezzi piccoli ma ebbi un calo di pressione.

-Cosa ti faresti tatuare adesso?
-Ora come ora, mi farei tatuare una hot road colorata in stile anni '90.


















-Tattoo del momento??
-Tattoo del momento quello che mi ha fatto Oliver Peck a Milano.










-I soggetti dei tuoi tatto sono
molto classici,hanno dei significati particolari?
-Per me il tattoo ha sempre un valore ma non credo nell'estrema ricerca del significato. Per me hanno + valore piccole cose o piccoli tattoo, al contrario di persone che vogliono dare significati forzati a qualsiasi particolare del disegno.
Per quanto riguarda la pancia,sono sempre stato un pò scettico sui soggetti religiosi, ed ho sempre evitato, fino a quando dopo aver passato delle esperienze personali ho sentito l'esigenza di cambiare le mie idee e di credere che c'è qualcosa in più nella vita, qualcosa che ti fà credere in te stesso e ti dà fede, è stato un periodo di crescita che ho voluto celebrare così!

-Ecco tutto, un altra intervista, dei bei momenti e spero anche una buona lettura per tutti voi. A presto!




































CONTATTI:







7 commenti:

  1. MATTIA LUCIANO CAPITANY7 aprile 2011 07:39

    GRANDE JACoPPA ::::::TATUAGGy MITICI E BELL'ARTICOLyNO !! UN SALUTO ANCHE A OZ !!

    RispondiElimina
  2. Riccardo Baroni7 aprile 2011 11:04

    Grande Jacopozzoooo!!!! articolo veramente carino e tattoo...da paura!!! ora t posto su Facebook :)
    1 saluto...
    Ryk

    RispondiElimina
  3. TANTA MERCE!!! complimenti al tatuato e a Matte inkiostro x l'articolo!!!! Un saluto. Marchino.

    RispondiElimina
  4. grande JACOPINO FINALMENTE NUDO!!!!!! BELLISSIMI E OTTIMA ESPRESSIONE NEL WORLD TATTOO!!!!

    E SEMPRE UN PIACERE LEGGERE GLI ARTICOLI DI MISTER INK!!!!
    UN SALUTO A MATTE E A JACOPO!!!!!!!

    UN SALUTO GILBE!

    RispondiElimina
  5. Bella intervista, bellissimi tattoo, e il tipo spakka! Molto sexy!
    In quest'onda di domande vorrei farne una anch'io... perché credo che un po' di feticismo ci sta sempre bene: ma che numero ha (hai) di scarpe?

    RispondiElimina
  6. Ciao!!!
    Mi sembra abbia un 41-42. s
    Sono il suo fornitore di sneakers.

    RispondiElimina
  7. Ciao Matte!Ancora non ero stata a sbirciare nel tuo blog....quindi eccomi,bell'intervista!
    Buona serata.
    Emanuela.

    RispondiElimina